Aromaterapia: ecco quali disturbi può curare

Aromaterapia: ecco quali disturbi può curare

Partiamo subito con il definire che cosa sia l’aromaterapia: essa è una disciplina della medicina olistica che fa un utilizzo curativo degli oli essenziali ricavati dalle piante e che possono essere somministrati al paziente per via aerea (attraverso la fragranza diffusa in ambiente), attraverso un uso topico (ad esempio con un massaggio), oppure anche per via orale.

L’aspetto fondamentale dell’aromaterapia è che agisce contemporaneamente su un doppio binario: da una parte va a curare il problema specifico, dall’altro infonde nella persona un progressivo benessere psicologico ed emotivo più generale; questo perché il fine ultimo è il raggiungimento di uno stato di benessere che in futuro prevenga il ripresentarsi della malattia.

Aromaterapia: quali disturbi può curare

 

L’aromaterapia è in grado di far superare al paziente moltissimi disturbi, sempre presupponendo che sia condotta da un esperto professionista (medico naturopata) e che gli oli essenziali utilizzati siano puri e naturali al 100%, ovvero della massima qualità disponibile.

 

Facendo prevalentemente leva sull’olfatto, l’aromaterapia va a toccare il sistema limbico, la parte più antica del nostro cervello la quale è in grado di reagire molto bene a queste stimolazioni odorigene, con risposte che non sono solo mirate al sintomo o malattia in atto, ma che vanno a stimolare la capacità naturale del corpo di riequilibrare, regolare, e auto-curare se stesso.

 

Sono molti i disturbi per i quali l’aromaterapia si è dimostrata efficace e risolutiva, vediamo di seguito alcuni esempi.

Disturbi comuni da curare con l’aromaterapia

 

Olio essenziale di Timo: ottimo per contrastare stanchezza, nervosismo e stress.

 

Olio essenziale di Lavanda: è uno dei più comuni e funziona ottimamente come antisettico e antifungino, per piccoli tagli e bruciature, ma anche per favorire il sonno e rilassarsi.

 

Olio essenziale di limone: anche questo è molto utilizzato ed è un tonico per la mente e lo spirito, indicato anche per chi soffre di stress e lieve depressione.

 

Olio essenziale di Basilico: ottimo da diffondere in ambiente per alleviare emicranie, mal di testa e in generale disturbi nervosi.

 

Olio essenziale di Gelsomino e Sandalo: possono essere utilizzati entrambi per stimolare l’eccitazione sessuale (ovvero come afrodisiaci).

 

Olio essenziale di Eucalipto: uno dei più utilizzati soprattutto in inverno, viste le sue eccellenti proprietà decongestionanti delle vie respiratorie.

 

Olio essenziale di Bergamotto: utile per le vie urinarie e per i disturbi di digestione.

 

Inoltre, gli oli essenziali possono risultare molto efficaci anche per disturbi riguardanti il ciclo mestruale: calendula (se il ciclo non è regolare), camomilla (per mestruazioni dolorose), cipresso (in caso di flusso abbondante), gelsomino (in caso di flusso scarso).

 

Infine, anche per alterazioni della pelle gli oli essenziali possono fare davvero molto: camomilla (effetto lenitivo), lavanda (lenitivo, cicatrizzante e antisettico/antifungino), iperico (contro scottature e bruciature di ogni tipo), menta piperita (lenitivo del cavo orale), rosa (emolliente della pelle del viso).