Ultimi post

Olio essenziale all’eucalipto: proprietà benefiche e come utilizzarlo

Olio essenziale all’eucalipto: proprietà benefiche e come utilizzarlo

Olio essenziale all’eucalipto: proprietà benefiche e come utilizzarlo

Quando arriva il freddo il sogno sarebbe quello di rinchiudersi al caldo dentro una baita di montagna, sperduta chissà dove. E invece siamo sempre di corsa, tra faccende domestiche e ufficio, commissioni da fare al volo e figli da accudire. Siamo vulnerabili e ‘pronti’ a intercettare tutti i piccoli grandi malanni di stagione, che però è possibile affrontare ricorrendo a rimedi naturali. Tra questi c’è senza dubbio l’olio essenziale di eucalipto, che è universalmente noto per le sue proprietà benefiche e i suoi effetti balsamici: è un perfetto espettorante, al quale è utile ricorrere per fare piacevoli massaggi rigeneranti prima di andare a letto. Componenti di questo olio essenziale, come la citronella e l’eucaliptolo, hanno effetto antinfiammatorio e sono anche utili per alleviare le allergie stagionali.

 

Un toccasana per i mali di stagione

 

L’eucalipto, originario dell’Australia ma ormai diffuso ovunque nel mondo, offre un olio essenziale dalle proprietà decongestionanti, capace di contrastare i mali di stagione che affliggono gola e naso. Si caratterizza per un inconfondibile aroma e la sua fragranza ‘legnosa’ è molto apprezzata - oltre che per favorire la respirazione - anche in ambito domestico, per rinfrescare l’ambiente. In casa l’olio essenziale di eucalipto aiuta a rimuovere lo sporco in cucina e si può usare come detergente per lavare pavimenti e finestre (è perfetto per contrastare l’insorgere di muffe). Nel pianeta dell’aromaterapia questo olio essenziale si usa soprattutto all’interno dei diffusori o per fare i suffumigi in caso di tosse, raffreddore ma anche di sinusite. Può infatti essere un valido ausilio per lenire le prime vie respiratorie quando irritate e favorisce l’eliminazione di muco. Le proprietà benefiche dell’eucalipto sono utili anche durante le fasi di studio o il lavoro in ufficio: diffondere il suo aroma nell’ambiente è infatti un toccasana per la concentrazione, poiché favorisce l’apprendimento e allo stesso tempo riduce la sensazione di pigrizia. Un consiglio per la conservazione: l’olio essenziale di eucalipto non ha un colore, ma col passare del tempo può ingiallirsi. L’ideale è quindi cercare di tenerlo al riparo da fonti di calore e anche da troppa luce.

 

La genesi di questo rimedio, consigli e controindicazioni

 

Gli aborigeni australiani impiegavano l’eucalipto come disinfettante, sfruttando le proprietà delle sue foglie. Mentre gli europei da sempre lo hanno utilizzato contro l’influenza e la bronchite: l’olio essenziale veniva poi impiegato in caso di vesciche o punture di insetti ma anche per ridurre la temperatura del corpo nei malati di colera. Oggi l’eucalipto potrà risultare molto utile in caso di infezioni all’apparato gastrointestinale: basterà un massaggio sull’addome, per esempio in caso di dissenteria. E’ ideale per combattere l’aggressione dei pidocchi, inoltre l’eucalipto viene utilizzato per realizzare collutori e risulta molto adatto a favorire il relax nel corso di saune e bagni turchi. Oltre ai suffumigi e ai massaggi, l’olio essenziale di eucalipto è perfetto anche per lenire il mal di testa. Ma con una regola aurea, da tenere in ogni caso presente: deve sempre essere molto diluito, mai applicarlo sulla pelle in purezza. Inoltre ci sono alcune controindicazioni al suo utilizzo, ad esempio per gli epilettici e le donne in gravidanza o in fase di allattamento.